Loading...

lunedì 31 agosto 2009

L'Esperienza. Poesia Romanesca.


Tante vorte uno fa na cosa,
poi te senti di... "nooo, perche'?"..
e li er monno casca addosso a te,
mica all'antri, che stanno belli a casa..

allora sposta er somaro e attacca er cavallo,
daje 'na frustata e fatte porta' lontano,
indove nun se vede artro che frutta e grano,
che pe' l'anno novo armeno dico io magnamo..

quelli che se porteno appresso, e je ce sta a cecio,
la stima der parente piu vicino,
so li peggio, ja da sta distante..

quelli che te tireno li serci in faccia,
davanti so quello che so, e te l'hai veduto,
impara a fattece 'n ber nodo, che so li mejo..

nelloromano
29.08.2009

Nessun commento:

Posta un commento