Loading...

giovedì 14 maggio 2015

V.M.18 #followme


Antonio Ligabue 1899-1965 - autoritratto




















C'e' che lo sai che c'e', mo te lo dico io che c'e'.

Che me so rotto er cazzo de le bugie
delle verita', e delle mezze verita'..

Che me so rotto er cazzo delle volgarita'
de quelli falsi, ma soprattutto de quelli educati..

Che me so rotto er cazzo de li froci
delle lesbiche, ma soprattutto dell'innamorati..

Che me so rotto er cazzo delle mignotte
dei papponi, ma soprattutto dei cornuti e delle cornute..

Che me so rotto er cazzo delle vacche magre
de quelle grasse e de quelle che stanno in dieta..

Che m'hanno rotto er cazzo l'avvocati
li dottori e li preti..

Che me so rotto er cazzo de vive
vorei mori', ma soprattutto mori'..

..de lavora', de 'n fa 'n cazzo
ma soprattutto de soffri'..

Puro li fascisti m'hanno rotto er cazzo
li communisti poi.... 

Che me so rotto er cazzo de li giornali
de li giornalai e de chi li legge..

M'hanno rotto er cazzo i musicisti
li pittori e li scurtori..

So ito e vede' quell'artri e m'avevano gia cagato er cazzo pure loro..
so' tornato e gia me ne volevo anna'..

M'ha rotto er cazzo quella che fa tutta la figacciona
insieme alla buzzicona e quella che fa l'arternativa..

Er bellone abbronzato, er frocio cor culo dell'artri
er frocio vero e la checca cor culo rotto!

La maghina de quello der piano de sotto,
er balcone che me sta sopra, la portiera che nun se fa li cazzi sua..

Si te guardo bene 'o sai che c'e',
t'oo dico io che c'e'..

m'hai rotto er cazzo pure te!


nelloromano
maggio '15

 







mercoledì 6 maggio 2015

La Signora in rosso. (woman in red)

Paul Gustave Fischer La signora in rosso - 1900















..perche' siamo soli..prima e dopo..

Adoro girare tra i tavoli del rigattiere
guardare quadri che qualcuno ha dipinto
scarpe rotte in cerca di un padrone nuovo
oggetti che qualcosa hanno significato
magari amore o matrimonio o morte

morte e vita..l'opera e' assoluta nostalgia

Adoro perdermi sui tavoli di una cucina
tra gli scaffali e le mensole delle dispense reali
nelle cantine vuote e piene delle famiglie disperse
nei garage, nelle soffitte o nelle vite di altri gia morti
negli armadi di naftalina dei vecchi solai

naviga navigante nell'assurdo per essere fiero del sapere...

Sono gia' ricordi, posso essere solo o in compagnia
il taglio della lama nella pelle rovente di rabbia
si fa strada affondando nel brivido del dolore
e la mia vita si fonde con altre vite
in un tratto dinamico e mortale

tra quelli prima e quelli dopo..senza risposta.. senza consiglio

Entro nei vasi di fiori
nelle pagine di un diario
tra le foto in bianco e nero
nello specchio di altre strade
di altre vite, di altre case, di altri amori

attore, scrittore, pittore, medico o scenziato..
operaio o avvocato

un palco immenso di attori e vite
una girandola di personaggi
un mondo dopo l'altro
una donna dietro l'altra
un uomo ed un bambino

in cerca del paesaggio..in cerca del sentiero..
all'ombra del corvo in volo


nelloromano
maggio2015