Loading...

venerdì 29 gennaio 2016

L'Attesa # 15

L'Attesa # 15 - ph nelloromano























L'Attesa # 15

La dissanguinata. (visione Caravaggiesca)




Giuditta ed Oloferne - 1599 - Caravaggio





..ar mercato.. vennuta pe du' spicci 
ar sorcio der piano de sopra
quello grigio, che se ne stava sempre nell'angoletto buio..
e che c'aveva na mano monca e l'artra senza unghie..

er giorno che e' scito fori da l'anfratto

s'era messo puro la camicia nòva,
quella stessa der matrimogno de la cognata
come er colore della merda quanno che s'e' seccata..

tutto 'ntorno era un gran dire, un gran fare

le scimmiette sartellaveno sur cazzo der diavolo
che a sua vorta rideva perche je facevano er solletico
e gia innaffiava 'ste quattro zoccole e a sti du froci..

mignotte poco pratiche tiraveno fori le zinne

chi poteva pure er culo e la lingua
ma essenno che ereno poco pratiche 
manco li cazzi sapeveno maneggia'..

'na stalla de vacche, ma poco der mestiere

difatti l'urtimo che rimanette ar tavolo 
co l'affare rosso tra le mani incallite
fece mejo a menasselo da solo, che nun c'era manco na bocca bona..

a la mezzanotte dopo er quarto de luna

la festa era finita e rimanettero in quattro
la scena era vòta e nessuno c'aveva fame
tranne er sorcio...lui si, la fame der sorcio..

e pe nun sentisse intruso, tiro' fori n'euro, vino e da fuma'
allora si che tutti lo incontraveno
com'era bello er sorcio grigio, tutti diceveno,
co 'na mano monca e l'artra senza l'unghie..

mo' era bello, er piu bello de tutti
er piu' de li piu', le scimmiette je sartaveno su
come aveveno fatto cor cazzo der diavolo
solo che er sorcio, poco diavolo, nun innaffiava nessuno..

ner frattanto la signora de sotto, c'avea sentito tutto
l'odori e li malumori, li pianti e li cori
c'aveva na certa esperienza co la maggia,
si insomma, la stregoneria, sputo' pe l'aria, e cosi' sia...

la sala rimanette vòta, definitiva, senz'acqua e senza luce
manco la memoria e li ricordi se fecero senti' piu'
er sorcio non usci' piu', la signora sta ancora lla'
e te che te sei vennuta, te....beh, che ce voi fa'..


Epilogo.

..du decine, quattro quarti, du doppie e 'n par de morti
du froci, tre culi rotti, na checca e sett'otto zoccole da otto
'n paro de vecchi co la bava e du malati der Santa Maria
sette settimi, tre terzi, du secondi e 'n primo.
Ma er primo, m c'ha vinto? 

Che Iddio me bbenedica. 



NELLOROMANO
   AD-MMXVI












L'Attesa # 14

L'Attesa # 14 - ph nelloromano



L'Attesa # 14

L'Attesa # 13

L'Attesa # 13 - ph nelloromano

















L'Attesa # 13

L'Attesa # 12

L'Attesa # 12 - ph nelloromano





















L'Attesa # 12

L'Attesa # 11

L'Attesa # 11 - ph nelloromano






















L'Attesa # 11