Loading...

giovedì 14 maggio 2015

V.M.18 #followme


Antonio Ligabue 1899-1965 - autoritratto




















C'e' che lo sai che c'e', mo te lo dico io che c'e'.

Che me so rotto er cazzo de le bugie
delle verita', e delle mezze verita'..

Che me so rotto er cazzo delle volgarita'
de quelli falsi, ma soprattutto de quelli educati..

Che me so rotto er cazzo de li froci
delle lesbiche, ma soprattutto dell'innamorati..

Che me so rotto er cazzo delle mignotte
dei papponi, ma soprattutto dei cornuti e delle cornute..

Che me so rotto er cazzo delle vacche magre
de quelle grasse e de quelle che stanno in dieta..

Che m'hanno rotto er cazzo l'avvocati
li dottori e li preti..

Che me so rotto er cazzo de vive
vorei mori', ma soprattutto mori'..

..de lavora', de 'n fa 'n cazzo
ma soprattutto de soffri'..

Puro li fascisti m'hanno rotto er cazzo
li communisti poi.... 

Che me so rotto er cazzo de li giornali
de li giornalai e de chi li legge..

M'hanno rotto er cazzo i musicisti
li pittori e li scurtori..

So ito e vede' quell'artri e m'avevano gia cagato er cazzo pure loro..
so' tornato e gia me ne volevo anna'..

M'ha rotto er cazzo quella che fa tutta la figacciona
insieme alla buzzicona e quella che fa l'arternativa..

Er bellone abbronzato, er frocio cor culo dell'artri
er frocio vero e la checca cor culo rotto!

La maghina de quello der piano de sotto,
er balcone che me sta sopra, la portiera che nun se fa li cazzi sua..

Si te guardo bene 'o sai che c'e',
t'oo dico io che c'e'..

m'hai rotto er cazzo pure te!


nelloromano
maggio '15

 







Nessun commento:

Posta un commento