Loading...

martedì 17 febbraio 2015

La malparata. (er bucia co la Regina)

B.Pinelli (Roma 1871-Roma 1835) senza titolo
(...)
...a 'n certo punto c'ho avuto na sensazione..
tipo n'emozione..
ma nun era n'emozione..
no scossone grosso m'ha stravorto er tabellone..
e' sartato er palco, l'attori se ne so annati..
er cervello m'ha fatto Caporetto si..
ma me voleva di' ... "attenzione"..

"aho", fra me e me,"che m'avete preso pe 'n cojone?"...

c'erano attori stragneri,
genti imbelletate,
mezzi froci e mezzi interi,
neri, ebrei e mignotte cinesi,
nani che scorreggiaveno..
li veneziani e puro li genovesi...

ma io, che a Roma ce so stato,
ho visto er palco de l'attori denudato,
ho preso na chitara e ivi so salito,
j'ho fatto na cantata, na sonata,
e j'ho dato puro 'na cortellata..
se dovessero pensa',
che a casa de li ladri volessero veni' a rubba'..

"aho..becchete questa...e non ce riprova' "..

ah ah ah..

chi mena prima mena du vorte..
s'aa ride l'anima de felicita'...
ad ogni osteria je se apreno le porte..
sorideno l'occhi de libberta'..
aringrazi er beato, sputi er sangue per tera..

.."a carogne ..ve ne dovete anna'.."...

..spunti pe 'na riflessione, pe' carita'.

nelloromano
febbr  2015







Nessun commento:

Posta un commento